L'Associazione | Il Consultorio | Spazio Giovani | Chi siamo | Mappa sito

collegamento a facebook
logo del centro george sand

::::> sei in ... Spazio Giovani > Il mio corpo > Sessualità > La violenza sessuale

contattaci psicologa, ginecologa, altri

Spazio Giovani

FAQ

LA VIOLENZA SESSUALE

donna seduta per terra e maltrattata

CHE COSA E’

Ogni imposizione di pratiche sessuali su una persona contro la sua volontà o su una persona non consapevole di quanto sta avvenendo.
Autori della violenza sono spesso persone conosciute:amici, colleghi, datori di lavoro, fidanzati.
I luoghi più a rischio:la casa, il posto di lavoro, mentre solo 1/3 delle violenze avviene per mano di estranei ed in luoghi pubblici.
Spesso a commettere la violenza è una persona in cui è riposta fiducia, è molto difficile, per chi ne è vittima, non pensare che la responsabilità è propria e che nessuno le crederà se racconta quel che è accaduto.

COME DIFENDERSI

Non esiste una ricetta per essere immuni dalle violenze. Si deve evitare di trovarsi in luoghi o in situazione che ne aumentino le probabilità.
Non andare in giro di notte da soli.
Conoscere bene le persone con cui si rimane soli in situazioni a rischio.
Fare attenzione a droghe e bevande alcoliche che diminuiscono la capacità di vigilanza e riducono la sensazione di pericolo.
Non fidarsi mai delle apparenze:il violentatore può essere chiunque.
Nel caso ci sia sospetto di violenza imminente assumere atteggiamenti difensivi ed attirare l’attenzione di altre persone o allontanarsi velocemente.
Se ci si trovi in un luogo isolato, dove nessuno può sentire, si consiglia di prendere tempo, parlare e mostrare sicurezza e padronanza della situazione, mantenere la calma e cercare di individuare una possibile via di fuga o mettersi ad urlare con tutta la forza che si ha.
Cercare di ricordare tutti i segni utili alla identificazione del violentatore da parte delle forze dell’ordine.

COSA PREVEDE LA LEGGE N° 66 DEL 15 FEBBRAIO 1966

La violenza sessuale costituisce un reato contro la persona in quanto esiste una relazione prevaricante di un soggetto su di un altro.
Chiunque costringa a compiere o subire atti sessuali con violenza o minacce (fisiche o psicologiche) è punito con la reclusione.
uomo dietro le sbarre della prigione E’ considerata un’aggravante:
la violenza nei confronti di ragazzi/e che non abbiano compiuto gli anni quattordici;
l’uso di sostanze alcoliche, stupefacenti, armi, narcotici o altro che rendono la vittima incapace di intendere e di volere;
l’atto commesso da un genitore, anche se adottivo, dal tutore o da altra persona cui il minore sia affidato;
l’aggravante è maggiore se la vittima non ha compiuto i 10 anni.

E’ CONSIDERATO REATO L’ATTO SESSUALE TRA MINORI, ANCHE SE CONSENZIENTI, quando la vittima non ha compiuto, al momento dell’atto, i tredici anni o se anche li avesse compiuto la differenza di età tra i soggetti è superiore a tre anni.

LA VIOLENZA SESSUALE DI GRUPPO è la partecipazione, da parte di più persone riunite, ad atti di violenza sessuale.
Non è necessario che tutti abbiano rapporti sessuali con la vittima, è sufficiente che incitino il violentatore o che trattengano la vittima. In entrambi i casi vengono puniti allo stesso modo.
La punibilità presuppone la querela da parte della vittima entro sei mesi dal fatto.

Se vuoi contattare un altro operatore clicca su "altri": verrai indirizzato all'elenco degli operatori del Centro

prenota qui la tua visita
chiedi aiuto se hai un dubbio sull'AIDS