L'Associazione | Il Consultorio | Spazio Giovani | Chi siamo | Mappa sito

collegamento a facebook
logo del centro george sand

::::> sei in ... Spazio Giovani > Il mio corpo > Dipendenze > Droga

contattaci psicologa, ginecologa, altri

Spazio Giovani

FAQ

DROGA


Cercare sensazioni piacevoli, alleviare i malesseri, superare le difficoltà, spingersi oltre i propri limiti fisici, psichici e mentali:questi atteggiamenti e comportamenti sono comuni a tutti noi.
Alcune persone però cercano di raggiungere questi effetti ricorrendo a sostanze che alterano piacevolmente lo stato di coscienza e danno la momentanea illusione di superare le difficoltà e di avere accesso a nuove grandiose potenzialità.
Droga, una parola entrata nel linguaggio quotidiano di giovani che fanno ricorso all’utilizzo di sostanze stupefacenti per poter “scappare” dalla realtà, per poter provare nuove emozioni, sensazioni attimi di adrenalina...
Droga, una parola sempre più spesso associata al divertimento e meno al pericolo ed alla consapevolezza di essere alle prese con uno strumento che può avere conseguenze gravi e addirittura irreparabili sull’organismo di chi ne fa uso.

Provare queste sostanze una volta non vuol dire automaticamente "essere drogati". Il rischio però è quello di prendere per buona l’illusione di aver trovato la soluzione per i propri problemi, e di non attivarsi in nessun altro modo per risolverli.
Nessuno pensa di rischiare di diventare dipendente da una sostanza, tutti pensano di farne un uso "controllato" e di poter rimanere padroni della propria vita.
Questo purtroppo non è mai vero. Qualsiasi sostanza crea almeno una forte dipendenza psicologica per il semplice fatto che non è facile fare a meno di qualcosa che sembra ci dia una soluzione "magica" ed immediata.
E’ necessario conoscere la verità delle cose.
Termini come crack, lsd, smart drugs, cocaina, ecstasy….possono essere confusi, i rischi e pericoli derivanti dal l’utilizzo di tali sostanze possono essere sottovalutati o peggio ancora, sconosciuti. Le informazioni che troverai leggendo le pagine del nostro sito internet vogliono aiutarti a comprendere e ad acquisire maggiore consapevolezza sul mondo della droga, sulle normative che la disciplinano, sulle conseguenze giuridiche e penali, nonché sui rischi di trasmissione di malattie anche mortali.

Quali sono le droghe:
- Cannabis
- Cocaina e Crack
- Ecstasy
- Eroina
- Allucinogeni:Lsd, Mescalina, Ketamina e Pcp
- Smart drugs
- Steroidi anabolizzanti

Come accorgersi se una persona fa uso di droghe
Quando una persona comincia a fare uso di droga, solitamente tiene un comportamento che non da adito a preoccupazioni nelle persone che gli sono vicine e che gli vogliono bene. Durante le prime settimane, lui è convinto che sia solo un’esperienza e che smetterà subito.
Man mano che la dipendenza comincia a far parte della sua vita, la persona inizia ad avere sbalzi di umore e/o di comunicazione molto ben individuabili in quanto non da più importanza alla sua immagine, comincia ad avere lo sguardo perso, qualsiasi cosa succede o gli viene chiesta, non è importante per lui e comincia a tenere un atteggiamento da antagonismo nei confronti delle persone a lui care. Deve difendersi per non “farsi scoprire”. La persona che comincia a far uso di droghe, sa che è sbagliato quello che sta facendo e non vuole che si venga a sapere. Per mantenere questo segreto, comincia a chiudersi sempre più in se stessa. Il suo mondo comincia a riempirsi di bugie. “L’unica maniera” per far sì che nessuno sappia quello che sta accadendo nella sua esistenza.
Comincia quindi ad abbandonare gli amici di sempre, prova sempre meno interesse nelle cose che ha sempre fatto e, pian piano, sarà sempre meno presente nell’ambito familiare:le scuse possono essere tantissime “sono stanco”, dite sempre le solite cose che non mi interessano”, “sto attraversando un periodo in cui ho bisogno di stare solo”, “ho litigato con la ragazza”.
Se la persona frequenta la scuola, la sua applicazione verso lo studio diminuisce, comincia a marinare le lezioni, il profitto diventa scarso.

I sintomi fisici di chi fa uso di droghe.
Nella persona che fa uso di hascisc o marijuana, gli occhi sono arrossati e lucidi, ha sempre un sorriso ebete sulle labbra, è assente nei discorsi. Prova un immenso piacere per i dolci. Sarà molto isolato, immerso nei suoi “viaggi”. Una persona che fa uso di eroina, metadone e morfina, ha le pupille “a spillo”, con gli occhi molto lucidi. Una caratteristica di queste droghe è che la persona si gratta continuamente in varie parti del corpo. Tende ad addormentarsi ogni qualvolta si trova a leggere, a guardare la televisione o semplicemente quando non sta facendo niente.
Perde l’appetito e beve molti liquidi. Un altro sintomo, specialmente all’inizio della dipendenza di questa droga, è il vomito.

Chi fa uso di eroina e morfina dimagrisce a vista d’occhio.
Questo è dovuto principalmente alla droga che sta assumendo per la mancanza di appetito che provoca.
La persona che usa metadone, in molti casi tenderà gonfiarsi:questa è una caratteristica della droga chimica. La persona si gonfia, non ingrassa.
Una persona che fa uso di cocaina o di anfetamina ha sbalzi di umore molto veloci. Può passare da uno stato di iperattività e di euforia ad uno stato di abulia, in maniera così veloce da lasciare attonita la persona vicina a lui.
I suoi occhi sono molto lucidi, e quasi spiritati. Parla in continuazione e in moltissimi casi ha labbra e lingua molto pallidi. Muove la bocca in continuazione, come se stesse masticando anche se non ha nulla in bocca. I consumatori di queste droghe solitamente smettono di mangiare regolarmente; piluccano solo pochissimi cibi e non dormono la notte, salvo cadere in un sonno profondo dopo alcune notti passate insonni. Solitamente questo succede quando arriva il “down”.
Le persone che fanno uso di allucinogeni, solitamente fanno il “viaggio” in ambienti dove nessuno li può vedere. Questo perché solitamente il “viaggio”, porta la persona fuori dal tempo presente, in una dimensione che non è quella attuale, fatta di colori, suoni e movimenti indotti dalla droga assunta. Una persona in questo stato, difficilmente percepisce quanto avviene attorno per cui non riuscirebbe a fare un discorso sensato con una persona normale.
Le persona che fanno uso di queste droghe, tendono comunque a chiudersi molto in se stesse:la loro comunicazione si interrompe, non trovano più niente di interessante in ciò che li circonda, tendono a stare isolate o con altre persone che fanno uso dello stesso tipo di droga. Hanno uno sguardo perso nel nulla.

Cosa si può fare.
Centri e comunità specializzate aiutano a rimuovere il desiderio, l’ossessione delle droghe, eliminando tutte le droghe dal corpo.
Questi programmi si svolgono sotto il controllo di medici e specialisti.
Il programma è efficace se aiuta a risolvere il problema trovato in origine ed è capace di rimuovere le ragioni per cui la persona ha cominciato a drogarsi.

Normativa.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (O.M.S. World Health Organization) definisce il termine "Droga" qualsiasi sostanza che, introdotta in un organismo vivente, può modificarne una o più funzioni in quanto provoca alterazioni della percezione della realtà e/o dello stato di coscienza.
La droga è un veleno in grado di incidere sulle prestazioni e/o capacità psico-fisiche, ma non tutta la droga è uguale. Sino a pochi anni fa era possibile fare la differenza fra droga in senso ristretto (droga pesante o leggera) e droga in senso largo che comprende tutte le sostanze che possono creare dipendenze (fumo, alcol, farmaci, lavoro, ....).
Dal 2006, a seguito delle novità introdotte dal decreto legge che contiene "Disposizioni per favorire il recupero di tossicodipendenti recidivi" approvato in via definitiva l’8 febbraio 2006 dalla Camera dei Deputati, sono state previste nuove sanzioni amministrative per chi fa uso di stupefacenti nella quantità considerata "ad uso personale". (ritiro patente, del passaporto o del permesso di soggiorno per gli stranieri), pene dai 6 ai 20 anni per traffico e spaccio di droga e abolizione della distinzione tra droghe leggere (come Marijuana, Cannabis, Hashish) e droghe pesanti (come cocaina, eroina).
Il Decreto legge introduce quindi novità anche in merito alle quote di stupefacente considerate ad uso personale
1000 milligrammi per cannabis
750 milligrammi per cocaina
250 milligrammi per eroina
750 milligrammi per MDMA (ecstasy)
500 milligrammi per amfetamina
150 microgrammi per Lsd
Si definiscono droghe (stupefacenti) le sostanze, siano essere di origine vegetale o sintetizzate chimicamente, che alterano il comportamento dell’individuo e che provocano effetti assai gravi sull’attività cerebrale, fisica ed emotiva. Un doppio effetto, quindi, quello a livello biologico e quello psicologico, che poi coinvolge inevitabilmente anche il livello sociale.

Se vuoi contattare un altro operatore clicca su "altri": verrai indirizzato all'elenco degli operatori del Centro

prenota qui la tua visita
chiedi aiuto se hai un dubbio sull'AIDS